di Luca Montanari

 

Domani è un altro giorno 21

Avevamo chiamato Michel Myers per dire due paroline a un nostro amico che aveva detto:
– Domani è un altro giorno!
Quando arrivò, ci batté (per fortuna) una mano sulle spalle e affermò:
– Domani è un altro giorno!
Ci rivolgemmo allora a Freddy Krueger perché, a sua volta, gli dicesse qualcosa.

 

Corsa sotto la pioggia

Tu correvi sotto la pioggia. Io ti inseguivo. Ci divertivamo.
Tu continuavi a correre sotto la pioggia. Io continuavo a inseguirti. Ci divertivamo.
Tu correvi sempre più a perdifiato sotto la pioggia. Io continuavo sempre più a perdifiato a inseguirti. Ci divertivamo.
Tu correvi sempre più veloce sotto la pioggia. Io fui incenerito da un fulmine. Tu ti divertivi. Io rimasi fosforescente per i successivi due anni.

 

Tennis

Tirai un servizio violentissimo. L’avversario non rispose.
Tirai un altro servizio violentissimo. L’avversario non rispose.
Tirai un nuovo servizio violentissimo. Anche questa volta l’avversario non rispose.
Poi mi accorsi di un signore vestito strano che aveva tra i denti le mie tre palline da tennis. Mi ci vollero altri sue set per capire che ero in un convento di francescani raccolti in preghiera.

 

Ritorni

Amore, venisti da me dicendomi che ti avevano fatto male a un ginocchio.
Amore, in seguito tornasti da me dicendomi che, questa volta, ti avevano fatto male alla schiena.
Amore, infine venisti di nuovo da me dicendomi che, infine, ti avevano rotto le braccia.
Amore, te l’avevo detto che non era una buona idea stendere i panni in autostrada.

 

Aria condizionata

Amore, tu mi chiedesti:
– Tesoro, ho freddo. Potresti abbassare un po’ l’aria condizionata delle macchina?
Io ti risposi:
– Cucciolotta mia, fuori fa ancora molto caldo, manteniamola, per ora, così.
Dopo un’ora, tu chiedesti ancora:
– Tesoro, ho sempre più freddo. Potresti abbassare un po’ l’aria condizionata delle macchina?
Io ti risposi:
– Cucciolotta mia, fuori fa ancora molto caldo, manteniamola, per ora, così.
Dopo un’altra ora, tu chiedesti di nuovo:
– Tesoro, ho davvero molto freddo. Potresti abbassare un po’ l’aria condizionata delle macchina?
Io ti risposi:
– Cucciolotta mia, fuori fa ancora molto caldo, manteniamola, per ora, così.
Mi decisi ad abbassare l’aria condizionata della macchina solo dopo aver assistito al distacco del tuo braccio sinistro per congelamento.

 

... e adesso c’è pure la “nona”!

 

Commenta ma, soprattutto, facci ridere!

commenti

Neurosito

Neurosito

Pin It on Pinterest

Share This